Pop Art

La pop art predilige temi della cultura di massa, includendo nelle opere riferimenti espliciti a personaggi famosi e oggetti di uso quotidiano. In questa pagina raccolgo una selezione di opere che si rifanno a questa corrente artistica non solo per i soggetti rappresentati, ma anche per la tecnologia utilizzata, una tecnologia che ne permette la riproducibilità tecnica per farli diventare potenzialmente oggetti di consumo di massa. Altri quadri pop art di Bonaventura disponibili su questo sito

arte

Spesso vi sarete soffermati a guardare uno dei ritratti di Marilyn fatti da Andy Warhol e sarete rimasti colpiti dallo stile moderno inconfondibile e ricco di colore. Quel ritratto è diventato un’icona della Pop Art e a quello stile si sono rifatti negli ultimi decenni molti artisti e ritrattisti. Ma come si può fare un quadro stile Pop Art se non volgiamo comprarlo e preferiamo farcelo da soli? Ecco alcune semplici istruzioni per raggiungere questo obiettivo. In primo luogo è necessario essere curiosi, perché la curiosità è alla base di qualsiasi processo artistico, quindi il primo consiglio che posso darvi è dedicare qualche anno a scoprire cose nuove, soprattutto che abbiano a che fare con l’arte. Potete per esempio andare a studiarvi la luce nei quadri di Caravaggio o il verde veneziano, oppure studiare le differenze sostanziali tra il gotico e il barocco in architettura. La vostra curiosità porterà buoni risultati in arte anche se il campo a cui è rivolta non è necessariamente quello delle arti visive. Per esempio potreste cominciare a studiare la chitarra e le differenze tra un accordo semidiminuito e un accordo maggiore. Come diceva Kandinsky non sempre infatti la strada diretta è la migliore, a volte una strada più lunga e tortuosa porta a risultati migliori. Allora se volete veramente imparare a fare un quadro Pop Art iniziate a incuriosirvi di quello che vi circonda. Mentre imparate ad essere curiosi, potete iniziare ad apprendere i rudimenti delle tecniche del disegno e delle tecniche pittoriche. Vi comprate un bel blocco di carta ruvida e delle matite con cui iniziate a disegnare, un po’ copiando quadri famosi, un po’ riproducendo soggetti reali, magari imparando a dare tutte le sfumature di colore con dei pastelli a cera o a olio. Impratichirvi con matite e colori vi prenderà almeno un paio di anni se sarete costanti e disegnerete ogni giorno qualcosa. Una volta fatte queste due cose, iniziate a imparare a usare i pennelli, magari cominciando con i colori acrilici che sono più facili da usare, per passare poi ai tubetti dei colori a olio per i quali è necessaria una maggiore abilità. Potete cercare di riprodurre quadri famosi, ma vi sconsiglio di iniziare dalla Marilyn, iniziate piuttosto con qualche altro grande artista del Novecento, tipo Matisse o Picasso. Acquisterete così una certa padronanza nell’uso degli strumenti necessari a fare i quadri, sperimenterete i vari tipi di colori e di tele pittoriche, le carte di diverse grammature, i pennelli di spessori e setole diverse. Nel frattempo, diciamo nel corso di una decina di anni, avrete anche sviluppato la curiosità necessaria all’artista che vuole essere veramente tale. Certo, se avete un talento innato per l’arte sarete avvantaggiati, ma per fare un bel quadro si può lavorare anche di mestiere, quindi non vi scoraggiate se siete nati senza particolare talento artistico. La Pop Art può essere raggiunta anche da voi. Passati questi dieci anni, anno più anno meno, avrete accumulato tutta una serie di quadri e ritratti pittorici che ogni tanto vi riguardate, esaltandovi per le opere venute meglio, dove magari una sfumatura di rosso o di giallo vi rende particolarmente orgogliosi del quadro fatto, o a volte deprimendovi nel guardare una bozza di ritratto decisamente goffo e banale. Ma non vi fermate. Vi sarà venuto naturale, nel dipingere, ispirarvi a qualche artista che più sentite vicino. Bene, andate oltre e cercate di capire i vari movimenti artistici, di capire i problemi formali e cromatici che hanno affrontato nei loro percorsi e inevitabilmente arriverete anche alla Pop Art. Come potete pretendere di fare infatti un bel quadro Pop Art senza conoscere l’Espressionismo Astratto? Avvicinandovi alla Pop Art, dovrete necessariamente impratichirvi con altre tecniche artistiche ma anche di stampa e tipografiche. Diciamo che con qualche altro anno di duro lavoro potrete iniziare a produrre qualche bel quadro stile Pop Art. A meno che non siate semplicemente interessati a una mediocre riproduzione di Lichenstein o di Warhol (ma allora compratevi un poster che è meglio), il percorso da seguire è questo che vi ho indicato. Buona fortuna.

I quadri Pop Art sono quei quadri moderni che un po' assomigliano a Andy Warhol. Avete presente il ritratto di Marilyn tutto colorato che spesso vediamo riprodotto un po' ovunque? Bene, quello è un tipico esempio di quadro pop art. Poi ovviamente ce ne sono di molti tipi, anche un po' meno colorati (forse gli artisti li hanno fatti quando erano più tristi) e magari fatti con materiali strani. Per esempio alcuni quadri pop art sono stati fatti pure con pezzi di giornali e foto vecchie, o anche oggetti presi e colorati o messi così sul quadro con una pennellata di colla. Per essere pop art un quadro deve essere anche un po' strano, infatti un quadro classico lo riconosciamo come perfetto nel disegno e nel colore, con tutte le sfumature e i chiaroscuri dipinti come si deve. Invece in un quadro pop art (che è uno stile artistico moderno), è necessario essere un po' più grezzi e fare qualcosa di meno preciso. Non ovviamente astratto, altrimenti non è più lo stile che cerchiamo, ma sempre dobbiamo metterci qualcosa di originale, tipo una scatoletta vuota o un pezzo di foto o un biglietto colorato. In genere nei quadri pop art ci sono anche delle scritte, quindi se in un quadro vedete una scritta fatta col pennello oppure ritagliata da pezzi di giornale o addirittura stampata con un timbro, allora quasi sicuramente quello è un moderno quadro pop art. Gli esponenti della Pop Art usavano in genere colori molto brillanti, in modo che i loro quadri fossero subito riconoscibili, per esempio ci mettevano molta vernice rossa sgocciolante, a volte del giallo e comunque colori accesi. Non solo, ma anche usavano spesso supporti diversi dalla tela pittorica. Lavoravano molto su dei grandi cartoni, o anche su tavole di legno colorate. Alcuni, per essere ancora più originali nella loro ricerca artistica prendevano tutte scatole vuote di prodotti vari, come per esempio detersivi o barattoli di salsa e le mettevano una vicino all'altra. Voi vi chiederete: ma che senso ha? Il senso è che devono essere quadri pop, non quadri classici, quindi più sono strani (basta che non siano troppo astratti) e meglio è. Una delle caratteristiche della Pop Art è anche la ripetizione. Infatti tante volte facevano un quadro, poi lo copiavano uguale nel disegno ma con un altro colore. E ripetevano l'operazione una terza e una quarta volta, ogni volta scegliendo un colore diverso, così venivano dei quadri con la stessa immagine ma una volta blu, una volta verde, poi gialla e magari l'ultima addirittura viola. Se metti vicini questi quadri diversi solo nel colore hai un tipico esempio dello stile Pop Art. Certo, per fare i disegni tutti uguali bisogna saper dipingere bene, avere una buona tecnica e padronanza dei pennelli. Ma questo non è sempre vero. Infatti a volte i furbi usavano addirittura delle fotografie, così il disegno era già pronto e loro basta che ci aggiungevano i quattro colori diversi. Bisogna proprio dire che la Pop Art, con i suoi artisti dai nomi strani come Rauchemberg o Lichtenstein o addirittura uno che si chiamava Oldenburg e uno Bonaventura , è stata proprio una bella scoperta per l'arte contemporanea, perché ci ha portato un po' di allegria, anche se a volte guardando quei quadri si ha l'idea che siano un po' troppo semplici. Non sempre è vero, ma qualche volta può essere, però non è che in arte bisogna per forza essere complicati per essere un movimento artistico importante. .

I quadri pop art sono quadri moderni molto colorati che prendono ispirazione da tante cose, come ad esempio la pubblicità o i prodotti di consumo di massa. Nella pop art contemporanea è importante fare i quadri molto colorati e se possibile metterci qualche scritta disegnata dentro, così sembrano più moderni. Volendo potete scrivere una frase pubblicitaria o il nome di una marca famosa, così il quadro sarà ancora più pop. Quando fate un ritratto pop art dovete ricordarvi sempre di farlo in più colori diversi, perché lo richiede questo stile. Si fanno in questo caso tre o quattro disegni uguali, poi uno di questi si colora giallo, uno blu, uno verde e uno viola, così il risultato assomiglierà molto ai quadri famosi di andy warhol e tutti vorranno comprare i nostri ritratti. Non necessariamente dovete usare i pennelli, potete anche usare i pennarelli, le matite colorate o i pastelli a cera o a olio. O anche pezzi di foto o ritagli di riviste e giornali, in modo da fare il quadro più moderno possibile. Se volete un consiglio, copiate qualche quadro pop art per imparare i trucchi dei grandi artisti, così poi anche voi potete passare per degli artisti di questo stile famoso. Oltre ai giornali, va bene anche se prendete delle semplici scatole di cartone da imballo e ci mettete magari sopra un po’ di giallo col pennello o un po’ di verde (mi raccomando, usate tutti colori accesi) e sicuramente diventerete artisti molto quotati tra i mercanti d’arte. La vita dell’artista Pop è molto bella e interessante, si viene in continuazione invitati a fare mostre ed esposizioni in molte gallerie d’arte famose in città diverse, anche all’estero, quindi diventando degli artisti pop avrete occasione di vivere un po’ a New York, un po’ a Parigi e un po’ a Berlino. A questo proposito vi consiglio di comprare una piccola valigetta per portare i colori e i pennelli. Se usate la vernice (i colori a olio sono sconsigliati per questo stile artistico perché non abbastanza brillanti) dovrete comprare una valigia più grande e pagare un supplemento quando prendete l’aereo. Ma tanto un buon quadro pop art è quotato molte migliaia di euro, quindi non vi preoccupate se spendete qualche soldo in più per la vostra arte, si tratta di un investimento che frutta. Quando fate un quadro moderno in questo stile “popolare” ricordate sempre di firmarlo, altrimenti potrebbero non accorgersi che si tratta di un’opera d’arte ma potrebbero scambiarla per spazzatura. Invece se lo firmate e gli mettete una cornice moderna sicuramente la vostra opera verrà apprezzata anche dai collezionisti più esigenti. Per esempio potete fare delle fotografie dei vostri quadri e spedirle via mail ai galleristi, così poi saranno loro a cercarvi in tanti e potrete fare un’asta. Il prezzo base di ogni quadro sarà di poche centinaia di euro, ma già dopo pochi minuti la quotazione potrebbe arrivare a raggiungere i diecimila euro, sempre che il quadro sia molto pop. Ricordate che se volete fare l’artista in campo pittorico è necessario munirsi anche di qualche vestito stravagante e originale, altrimenti quando vi presentate dai galleristi o all’inaugurazione di una mostra non avrete la credibilità e potrebbero non accorgersi di quanto dipingete bene questo stile moderno. Io ho seguito questa strada e ora i miei quadri pop si vendono in tutto il mondo tramite il mio sito web.

I quadri Pop Art sono quadri moderni inventati negli anni Sessanta in America e che si ispirano a tutto ciò che è pop, fatta eccezione per i pop corn. Quando compriamo online questo tipo di opere artistiche, dobbiamo fare attenzione nella scelta dei colori. Anche se su molte gallerie d'arte sono disponibili quadri pop art di diversi colori., i veri quadri dipinti in questo stile non sono mai marroni o grigi, bensì sempre dipinti in colori brillanti e popolari, come il rosso, il giallo o il verde acido. Inoltre, sul retro della tela deve essere riportata la scritta POP in inchiostro indelebile, altrimenti rischiate di appendere in camera da letto un quadro astratto convinti che sia pop e farete una pessima figura con tutti gli amici ma soprattutto con chi dividete la camera. Mentre in soggiorno una svista di questo tipo può essere tollerata, appendere un quadro astratto in camera da letto, dietro la testata del letto matrimoniale, convinti che sia un quadro pop art, può in certi casi portare alla separazione della coppia. Il vero quadro pop art originale dovrebbe essere in tre o quattro pannelli che riportino lo stesso identico disegno ma con colori diversi (vedi sopra per quanto riguarda i colori). E' vero che ormai nella storia dell'arte i critici e i collezionisti, ma soprattutto gli interior designers, tendono a far passare come pop art anche alcuni quadri singoli, ma per non sbagliare stile è sempre meglio orientarsi sui quadri multipli, che in genere sono anche più alla moda per un arredamento raffinato e di classe. I quadri a tre pannelli devono essere appesi in orizzontale, a formare un trittico, mentre i quadri a quattro pannelli devono essere appesi a formare un grande quadrato. Per l'illuminazione dovete usare dei faretti appositi, i faretti pop. I maggiori autori della Pop Art sono conosciuti per aver ritratto personaggi famosi come Marilyn Monroe o Audrey Hepburn o personaggi dei fumetti. Ma volendo possiamo trovare sui siti delle gallerie d'arte online anche quadri di questo stile artistico che rappresentano però personaggi meno noti, come per esempio Carlo Quadri o Giorgio Moderni. Famosissimi e molto venduti i quadri pop art di Giorgio Zampironi, il capo indiscusso e inventore della Pop Art. Ma i suoi quadri oggi sono pressoché introvabili e se in qualche mercatino doveste trovarne uno, non dovete assolutamente lasciarvelo scappare, sia che si tratti di un quadro orizzontale che verticale. Nell'arredamento moderno il quadro Pop Art fa la sua zozza figura, tutti quello che lo vedono lo apprezzano, quindi se volete avere successo tra i vostri amici dovete assolutamente averne almeno due in casa, uno per la parete della camera da letto e uno per la cucina, dove fa tanto moderno e si abbina bene sia che abbiate un arredo classico che moderno. Poiché non tutti sono esperti d'arte, per essere sicuri che i vostri amici sappiano che il quadro appeso in casa vostra appartiene a questa categoria di arte, potete preparare un cartellino discreto da appendere vicino al quadro, in modo che chi ammira il capolavoro possa leggerlo ed esclamare “Hai un Pop Art in casa, che fico!!!” e tutti vi verranno sicuramente a trovare più volentieri.